Rally di Monte Carlo 19-22 gennaio 2023

Ogier vince per la nona volta il Rally di Monte Carlo e diventa il pilota con più vittorie nella gara del principato.

Il pilota francese vince il Rally di Monte Carlo in coppia con Vincent Landais, quest’ultimo alla sua prima affermazione in una gara del WRC.

Sin dalle prove del giovedì sera, l’equipaggio della Toyota è sempre stato in testa alla gara. Il pilota che sembrava poter lottare il venerdì era stato Evans, che poi è stato attardato da una foratura nella p.s. 5 che lo ha estromesso dalla lotta per la vittoria.

Kalle Rovanpera ha tentato sino all’ultimo di mettere pressione ad Ogier, ma i secondi accumulati, essendo stato il primo a transitare nelle giornate di giovedì e venerdì, non gli hanno permesso di impensierire l’otto volte Campione del mondo.

Un “Monte” senza grosse sorprese, sia dal punto di vista del meteo, che da quello della classifica.

La vittoria assoluta è stata gestita dall’equipaggio francese della Toyota dopo il vantaggio accumulato venerdì, nel WRC2 se non fosse stato per una foratura nell’ultima prova di sabato Gryazin avrebbe dominato tutta la gara. Il pilota russo è comunque riuscito a vincere con un vantaggio di 4,5 secondi su Rossel.

Ripercorriamo le fasi salienti della gara.

Giovedì, nelle due prove in notturna, vittoria in entrambe di Ogier.

Il venerdì il francese vince quattro delle sei prove e mette in chiaro che sarà dura togliergli la vittoria.

La lotta a questo punto sembra essere solo quella per il secondo posto tra Rovampera e Neuville.

Evans attardato dalla foratura, Tanak alla scoperta della Puma, che comunque dimostra di essere una vettura ancora in necessità di miglioramenti, Sordo e Lappi senza grossi spunti e alle prese con la minor competitività della Hyundai I20 che il solo Neuville sembra essere in grado di poter sfruttare. Nonostante i limiti che la vettura coreana ha sempre avuto nei percorsi asfaltati.

Loubet, con la Puma, sbatte su una spalletta di un ponte e riparte il sabato con il Super Rally.

Nella giornata di sabato Rovanpera si porta a 16 secondi da Ogier, che però sembra controllare. Katsuta sopravanza Sordo e si porta in sesta posizione.

Unica emozione, come detto, nel WRC2 dove Gryazin fora e rimette tutto in discussione per la vittoria.

Nelle prove della domenica, due vittorie a testa per Ogier e Rovanpera con quest’ultimo che si aggiudica la vittoria nella Power Stage e i relativi 5 punti.

Sull’ultima prova problemi per Katsuta, che riesce comunque a mantenere la sesta posizione.

L’ordine d’arrivo della Power Stage:

1.       Rovanperä – Halttunen (Toyota GR Yaris Rally1) in 10’00”5
2.       Tänak – Järveoja (Ford Puma Rally1) +0”6
3.       Evans – Martin (Toyota GR Yaris Rally1) +0”7
4.       Neuville – Wydaeghe (Hyundai i20 N Rally1) +4”2
5.       Ogier – Landais (Toyota GR Yaris Rally1) +4”7

Una gara che ci ha dimostrato, ancora una volta, il dominio e la supremazia della Toyota, nettamente superiore a Hyundai e Ford.

Per quanto riguarda i piloti, ricordiamo che Ogier ha un programma part-time e non parteciperà a tutte le gare, il favorito alla vittoria finale è sicuramente Kalle Rovanpera.

Tra i suoi avversari, il suo compagno di squadra Evans e Neuville.

Tanak potrebbe essere tra i piloti potenzialmente in lotta, ma la Ford Puma è una vettura non al top per poterlo assecondare.

Nel WRC2 la vittoria, meritata, di Gryazin è coincisa con la vittoria al debutto per la nuova Skoda Fabia.

L’ordine d’arrivo:

1.       Ogier Sébastien – Landais Vincent (Toyota GR Yaris Rally1) 3:12:02.0
2.       Rovanperä Kalle – Halttunen Jonne (Toyota GR Yaris Rally1) +18.8
3.       Neuville Thierry – Wydaeghe Martijn (Hyundai i20 N Rally1) +44.6
4.       Evans Elfyn – Martin Scott (Toyota GR Yaris Rally1) +1:12.4
5.       Tänak Ott – Järveoja Martin (Ford Puma Rally1) +2:34.9
6.       Katsuta Takamoto – Johnston Aaron (Toyota GR Yaris Rally1) +3:32.6
7.       Sordo Dani – Carrera Cándido (Hyundai i20 N Rally1) +3:47.5
8.       Lappi Esapekka – Ferm Janne (Hyundai i20 N Rally1) +3:51.3
9.       Gryazin Nikolay – Aleksandrov Konstantin (Škoda Fabia RS Rally2) +10:03.4
10.   Rossel Yohan – Dunand Arnaud (Citroën C3 Rally2) +10:07.9

Il podio del WRC2:

1.       Gryazin Nikolay – Aleksandrov Konstantin (Škoda Fabia RS Rally2) 3:22:05.4
2.       Rossel Yohan – Dunand Arnaud (Citroën C3 Rally2) +4.5
3.       López Pepe – Rozada Borja (Hyundai i20 N Rally2) +1:10.7

La gara degli italiani.

In WRC2:

12° Miele Mauro – Beltrame Luca (Škoda Fabia RS Rally2) – 2° WRC Master Cup
13° Merli Christian – Zortea Marco (Škoda Fabia Rally2 evo)
15° Bontempelli Lorenzo – Pina Giovanni (Škoda Fabia Rally2 evo)
16° Niboli Simone – Brunetti Battista (Škoda Fabia Rally2 evo)
17° Patera Silvano – Tiraboschi Stefano (Škoda Fabia Rally2 evo)
18° Creighton William – Regan Liam (Hyundai i20 N Rally2)
19° Marchino Filippo – Ometto Pietro Elia (Škoda Fabia R5)
20° Arengi Bentivoglio Fabrizio – Bosi Massimiliano (Škoda Fabia Rally2 evo)
22° McErlean Josh – Rowan John (Hyundai i20 N Rally2)

Nelle Rally4:
3° Pedala Massimiliano – Piceno Denis (Opel Corsa Rally4)
5° Fontana Matteo – Arnaboldi Alessandro (Peugeot 208 Rally4)
8° Ciato Sebastiano – Budoia Andrea (Peugeot 208 Rally4)
10° Palmero Jean-Paul – Pastorino Mattia (Peugeot 208 Rally4)
12° Marazzato Giorgio – Sommariva Elisa (Peugeot 208 R2)

La classifica del campionato piloti vede al comando Ogier con 26 punti, seguito da Rovanpera a 23 e Neuville a 17.
Per i costruttori Toyota Gazoo Racing 50 punti, Hyundai Motorsport 27 e M-Sport Ford WRT a 16.

Prossimo appuntamento per il Campionato del Mondo in Svezia, dal 9 al 12 febbraio.


“Pilotare la Fulvia HF con l’autobloccante è come guidare una calamita tra due muri di ferro.”
Amilcare Balestrieri

 

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Box Box Box

Articoli Correlati

Walter Röhrl – Il podcast

Walter Röhrl è stato Campione del mondo rally nel 1980 e nel 1982, Campione europeo nel 1974. Ha partecipato a 194 gare ufficiali, di cui 75

Björn Waldegård – Il podcast

Björn Waldegård è stato il primo Campione del mondo rally, vincendo il titolo nel 1979. Ha partecipato a 258 gare ufficiali, di cui 96 del